Gli strumenti di Leonardo

Lo strumento donato a Ludovico il Moro era quasi certamente una lira da braccio, uno strumento ad arco simile alla nostra viola ma dotato anche di due corde “non tastate”, cioè dal tono non modificabile tramite la pressione delle dita. Non ne abbiamo altre notizie, né sappiamo che fine abbia fatto. Anche gli altri strumenti musicali di invenzione leonardesca citati nel libro sono stati veramente ideati dal grande maestro (l’interesse per la musica e per il suono è una costante della sua attività di studioso). Di molti è stata effettuata in tempi recenti la ricostruzione ipotetica  e alcuni sono usati anche in concerto (molti di questi strumenti sono visibili alla mostra Leonardo3 Museum in piazza della Scala a Milano).